Fotografo nei guai: aveva realizzato un book fotografico per una minorenne

Book fotograficoNegli ultimi tempi si sente sempre più spesso parlare di book fotografici. Questo genere di fotografia sta spopolando sempre di più specialmente tra i giovani che cercano fama e popolarità, facendosi fotografare in pose provocanti e non convenzionali, mostrando il proprio corpo e le proprie doti fisiche.
Un caso del genere è successo pochi giorni fa nella regione dell’Emilia Romagna. L’episodio è avvenuto nella città di Bellaria Igea Marina, dove una ragazza di 17 anni, quindi ancora minorenne, avrebbe contattato un famoso fotografo 51enne sul popolare social network Facebook, per realizzare un book fotografico.
Il sogno della ragazza era quello di diventare una modella e voleva compiere un primo passo per la realizzazione di questo desiderio. In un primo momento, la ragazza sarebbe stata accompagnata dalla madre nello studio del fotografo e questi avrebbe realizzato per lei un servizio fotografico gratuito, in piena tranquillità e senza nessun problema. L’ambiguità sarebbe sorta qualche tempo dopo, quando sempre su Facebook il fotografo avrebbe contattato la ragazza proponendole un secondo servizio fotografico. Arrivata nello studio del fotografo piena di grandi speranze ed aspettative, la ragazza sarebbe stata accompagnata dal padre questa volta, che l’avrebbe lasciata dicendo che la sarebbe venuta a prendere in un secondo momento. Ma questa volta le richieste del fotografo sarebbero andate oltre il limite consentito della moralità.
Il fotografo senza alcun pudore avrebbe chiesto alla ragazza di spogliarsi e mostrarsi a seno nudo, nonostante l’evidente imbarazzo della giovane diciassettenne. Dopodiché il fotografo si sarebbe avvicinato a lei e con la scusa di sistemarla per gli scatti che avrebbe dovuto eseguire, avrebbe iniziato a palparla.
Non soddisfatto, secondo le dichiarazioni della ragazza il fotografo 51 enne avrebbe addirittura tentato di strusciarsi su di lei. Dopo l’accaduto la ragazza sarebbe stata riaccompagnata a casa dal padre ignaro del fatto appena accaduto. Solo in un secondo momento infatti, la ragazza avrebbe deciso di confessare il malfatto ai genitori che senza indugiare hanno subito denunciato la cosa alle autorità competenti che hanno svolto in maniera molto rapida e precisa le indagini.
Il fotografo professionista ha sempre negato tutto, dicendosi estraneo ai fatti denunciati dalla ragazza, in quanto a detta di lui avrebbe operato in tutta la sua carriera con professionalità e serietà, servizio fotografico per la giovane incluso, contrastando totalmente le affermazioni della ragazza minorenne. Le indagini per ora sono state dichiarate concluse, ma la questione rimane aperta e potrebbe essere necessario un’eventuale causa in tribunale per stabilire chi ha torto e chi invece ragione. Che dire quindi? Affidatevi a fotografi professionisti e seri per i vostri book fotografici da sogno!

Autore dell'articolo: admin