Piante in casa, alcuni consigli su come prendersene cura

Ecco qui di seguito alcuni consigli su come prendersi cura delle piante in casa: dalla quantità di luce all’irrigazione.

Le piante in casa, infatti, sia che si tratti di piante aromatiche o grasse, necessitano di cure continue, stagione dopo stagione e mese dopo mese.

Le piante da appartamento

Quando parliamo di piante in casa ci riferiamo a specie molto diverse tra loro ma che hanno in comune un’unica cosa: sono costrette a crescere in vaso. Tutte le piante che crescono in vaso hanno bisogno di maggiori cure perché non possono contare sull’immensa ricchezza offerta dal suolo; i nutrienti contenuti in qualche chilogrammo di terreno, seppur opportunamente concimati, non saranno mai paragonabili ai nutrienti naturalmente contenuti in piena terra, magari negli habitat naturali delle vostre piante in casa.

Se durante l’estate bisogna prestare maggiore attenzione all’irrigazione e alla potatura, durante l’inverno possiamo seguire una semplice profilassi che ci consente di curare al meglio le piante da appartamento… fatta eccezione, poi, per quelle piante che coltivate nei locali climatizzati.

In qualsiasi periodo dell’anno bisogno tenere sotto controllo la temperatura, l’esposizione luminosa e la traspirazione delle mura, rendendo questi parametri sempre favorevoli e compatibili allo sviluppo delle nostre piante in casa. In inverno, in estate, in primavera o autunno, ci sono delle semplici regole da seguire per mantenere in vita anche le piante da appartamento più delicate.

Come curare le piante in casa

La pianta non va mai messa vicino ai termosifoni in inverno o sotto il getto d’aria fredda in estate. In queste zone della casa, l’aria è troppo secca e limita la traspirazione della pianta causando la caduta delle foglie.

Se proprio avete poco spazio, provate a controbilanciare l’aria secca con una maggiore umidità ma attenzione, non bastano gli umidificatori d’interni. Dovrete dunque aumentate la frequenza delle irrigazioni e aumentare l’umidità presente in atmosfera con due semplici strategie:

  • Nebulizzate o spruzzate dell’acqua sulle foglie della pianta.
  • Ponete nel sottovaso qualche pallina di argilla con dell’acqua.

Per curare le piante grasse in casa in inverno, portatele nel luogo più luminoso della casa, assicurandovi che non si facciano ombra l’una con l’altra. Se preferite portare all’esterno le piante aromatiche a partire dalla primavera, fatelo gradualmente, le piante aromatiche in casa possono essere molto sensibili agli shock termici.

Allo stesso modo è bene ricordare che nei mesi invernali è meglio evitare ogni potatura sulle piante aromatiche e sulle piante grasse in casa. Al massimo limitatevi a eliminare i rami morti delle piante grasse in casa o quelli malformati ma non rimuovete nulla di verde e florido. La potatura delle piante da interni va generalmente posticipata a inizio primavera o anticipata in autunno.

In inverno è meglio evitare di concimare in quanto le piante, comprese quelle da interni, vivono un periodo di riposo. Se la vostra pianta da appartamento è particolarmente delicata forse può necessitare di un fertilizzante anche nei mesi più freddi, in questo caso utilizzate un concime specifico. Le piante aromatiche in casa si possono concimare a partire dalla primavera fino all’autunno, somministrando concime, per l’ultima volta, tra i mesi di ottobre e novembre.

Così come in prossimità di termosifoni e getti d’aria dei condizionatori (aria fredda o calda che sia) dovreste evitare di posizionare le piante grasse in prossimità dell’ingresso, dove improvvisi correnti d’aria potrebbero causare una prematura caduta delle foglie.

Piante da appartamento, cure e consigli alla coltivazione

Nell’ideale, dovreste tenere le vostre piante grasse in casa lontane da fonti di calore, lontane da getti d’aria (freddi o caldi) e in ambienti ampi. I locali, più grandi sono, e più aria contengono: è necessario garantire alle piante una buona circolazione dell’aria. Per questo motivo evitate che le foglie possano poggiare o stare troppo a ridosso di una parete o di una vetrata.

Ricordate, ogni volta che irrigate la pianta, di apportare una mezza rotazione al vaso: solo in questo modo potrete garantire una crescita uniforme facendo in modo che tutte le foglie ricevano, a turno, la luce dalla finestra più vicina.

La luce naturale non deve mancare perché solo questa può garantire alla pianta la giusta lunghezza d’onda per svolgere la fotosintesi.

E’ indispensabile arieggiare il locale in modo da eliminare l’aria stagnante, regolare l’umidità e consentire una buona areazione della pianta. Se la vegetazione è troppo fitta, dovreste sacrificare qualche getto o qualche pianta, proprio al fine di favorire il ricambio d’aria intorno a ogni ramo della vostra pianta da interno.

Autore dell'articolo: ElisaP