Tende da sole, quale tipologia scegliere per la propria casa

Le tende da sole sono un utile accessorio per terrazzo e giardino, indispensabile per godersi l’ombra. Ne esistono diverse tipologie: vediamole insieme.

Vantaggi delle tende da sole

Dal momento che queste offrono una buona protezione dal sole e svolgono un ruolo importante di controllo termico, le tende da sole da esterno sono diventate un must per chi vuole godersi la propria terrazza nei momenti in cui il sole è più alto o semplicemente per chi preferisce l’ombra o un po’ di fresco.
In pratica la tenda permette di ampliare lo spazio abitativo verso l’esterno e il suo effetto protettivo evita nello stesso tempo l’eccessivo riscaldamento della casa, schermando le portefinestre su cui spesso è installata. La tenda da sole combina praticità ed estetica ed è utile anche nei giorni di pioggia grazie al suo tessuto impermeabile.

Caratteristiche da tenere in considerazione per le tende da sole

Vediamo, dunque, quali sono le caratteristiche da dover tenere in considerazione al momento dell’acquisto delle tende da sole.

Dimensioni

Come abbiamo detto lo scopo principale delle tende da sole è, appunto, la protezione dal sole – agendo da schermo. Per garantire che ciò avvenga nelle migliori condizioni possibili, è necessario prima di tutto determinare le esatte dimensioni delle tende da sole esterne, che dipendono ovviamente dalla superficie da coprire.
Il principio per misurare è semplice: la tenda da sole deve essere più grande della superficie da proteggere e coprire un’ampia area oltre le aperture. Le tende da esterno con dimensioni standard sono disponibili a partire da 3 m di larghezza.

Inoltre, per meglio valutare le tue necessità occorre determinare la massima estensione del braccio cioè, tecnicamente parlando, la proiezione. Le configurazioni attualmente in commercio vanno da 1,50 m fino a 4 m. Tuttavia, la più diffusa è quella da 3,5 m anche se esistono tende per esterni di dimensioni molto maggiori.

Tessuto per le tende da sole

Dopo le dimensioni, il tessuto è un elemento determinante nella scelta della tenda. La sua qualità e le sue caratteristiche intrinseche ne determinano la maggiore o minore resistenza ai raggi UV e la protezione dal calore. Vi sono tre tipi di tessuto per le tende da esterno.

  • tessuto in poliestere: è sensibile ai raggi UV e quindi poco resistente nel tempo; è una alternativa possibile quando l’uso della tenda è occasionale e si desidera una soluzione economica. Cercare di proteggerlo è un intervento aggiuntivo per aumentarne la durata.
  • tessuto acrilico: resiste molto bene ai raggi UV e si pulisce facilmente con l’acqua. Ritenuto indeteriorabile, il tessuto acrilico si adatta perfettamente all’esterno. Ha una buona tenuta ed una maggiore durata. Tuttavia, l’aerazione sotto una tenda in tessuto acrilico è scarsa.
  • tessuto microforato: è il tessuto numero 1, resistente ai raggi UV, agli strappi, si pulisce facilmente con l’acqua e non si deteriora. Il suo vantaggio è la qualità della ventilazione sotto la tenda da sole. Infatti, essendo, appunto, microforato non crea accumulo di calore.

Manutenzione del tessuto delle tende da sole

Per la manutenzione del telo in generale occorre spolverarlo regolarmente affinché l’accumulo di polvere non ne sbiadisca i colori. È necessario inoltre provvedere ad un lavaggio con acqua e sapone una o due volte l’anno.
I vantaggi di una tenda da sole con mantovana
La mantovana è la parte del telo che pende all’estremità esterna della tenda da sole.
Il tipo più diffuso è la mantovana ondulata ma esistono anche mantovane diritte.
Attenzione a non trascurarla perché è un componente importante di protezione dal sole.
In certi casi anche la mantovana può anche essere srotolata perché col sole radente protegge ulteriormente contro l’abbagliamento e può essere una specie di schermo alla curiosità dei vicini!

Tenda da sole: cassonetto o semi-cassonetto

La scelta del cassonetto è sottoposta ad alcuni criteri non solo di tipo economico.

  • Semi-cassonetto: detto anche tettuccio, protegge solo la tela. I bracci mobili della tenda rimangono piegati sotto il cassonetto;
  • Cassonetto: permette di proteggere anche i bracci. L’intera struttura è quindi protetta dalle intemperie e, a seconda del grado di utilizzo della tenda da sole e della sua ubicazione, questo può essere un criterio decisivo o addirittura indispensabile. La scelta del cassonetto è anche di tipo estetico perché consente di nascondere i meccanismi e i loro sistemi di fissaggio dentro una carenatura. Dunque, hai capito: minore esposizione fa rima con migliore protezione.

Tende da sole: motorizzata o manuale

La tenda da sole a manovella è senza dubbio la più economica: è però necessario sapere come prendere bene le misure esterne. Ricorda che più la tenda sarà grande, più la manovella sarà difficile da utilizzare. La tenda da sole deve essere un comfort, non un impegno. Scegli quindi questo tipo di tenda per il suo prezzo e solo nel caso di tende di piccole dimensioni.

La tenda motorizzata a comando elettrico, con pulsante a muro o con telecomando (motore radio controllato), è il top del confort. È un’ottima alternativa allo sforzo dell’avanbraccio, ma ricorda di dotarti di una manovella supplementare manuale perché nessuna tecnologia è esente da possibili guasti! Inoltre, devi sapere che esistono altri optional molto utili come il sensore del vento e il sensore del sole. Ciò permette di non doversi preoccupare della variabilità del tempo! Inoltre, la scelta di un sistema motorizzato consente di avere anche altre opzioni come la regolazione della luce!
Ricorda di pulire bene tutta la struttura specialmente a livello dei bracci mobili in modo che l’apertura sia confortevole e non rumorosa.

Autore dell'articolo: ElisaP